In agonis


Piazza Navona, ore 02:37. Sono seduto su una panchina di marmo e ammiro la fontana. Sulle mie gambe i tuoi capelli di rame, le tue palpebre chiuse. Attorno alla mia vita le tue bellissime mani. Siamo qui, troppo stanchi e ubriachi per andare a casa.
Guardo la fontana.
Guardo te e non ho dubbi su chi sia la più bella.
Sei così leggera addormentata su di me.

Come quando dormivamo, abbracciati nel tuo letto azzurro che ricorda un po’ il mare. E là dentro mi tuffavo, annegavo, riemergevo, respiravo, là dentro te.
Ti sfioro le labbra con le mie, non voglio svegliarti.
Non voglio che nessuno mi svegli.

Piazza Navona è bella.
Tu lo sei stata un po’ di più.

Annunci

6 pensieri su “In agonis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...