I suoi sfondi, i miei sogni

Ti sento nell’odore del mare e dell’erba bruciata dal sole, nella freschezza della tramontana e del grecale, nel rumore delle macchine che passano veloci mentre noi siamo fermi qui.

Ti vedo di spalle mentre dipingi i miei sogni su una tela bianca, ti colgo nei campi di grano ad Aprile che hanno lo stesso colore dei tuoi capelli.
Ti vedo nei tuoi occhi, che riflettono i miei mentre si aprono e sei l’unica cosa che vedo.

Ti studio, illuminata dalla luce che entra da una grande vetrata e risplende sulla stanza.
Ti vedo fiorire e sfiorire, nascere, crescere, morire e risorgere come un’onda, su quella tela che è la tua vita, quella tela bianca, che bianca non è più, riecheggia di Monet e Gauguin, quella tela che sei tu, che sono io, che siamo noi uniti e poi separati.

Siedi per terra con indosso solo una maglietta larga e agiti soavemente il polso sporcando i piedi scalzi di colore.
Io sono sul divano e ti osservo, cùpido di conoscerti e riconoscerti in ciò che fai, in ciò che non dici, in ciò che ti sfiora i pensieri e vola via.

Per ora, assaporo la freschezza delle nostre arti unite.
Per, godo del calore dei nostri arti uniti.
Per ora, va bene così.

I suoi mondi

I suoi sfondi

I suoi sogni 

Nei bordi dei fogli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...